Post2PDF Stampa articolo Email This Post

UN ORTO DIGITALE ALLE PORTE DI ROMA (SCUOLA PRIMARIA SCARDELLETTI)

10 Maggio 2020

Il progetto dell’orto digitale è nato pensando alla speranza della rinascita. I bambini, colpiti in particolar modo dai disagi della quarantena, hanno potuto così apprezzare il valore della cura verso un essere vivente, coltivando la propria piantina e, insieme ad essa, la speranza di una rapida e serena ripresa delle proprie attività quotidiane. Il legame con i compagni, bruscamente interrotto, ha cosi preso vita in maniera originale dando agli alunni la possibilità di condividere i risultati del proprio impegno giorno per giorno. In modo particolare hanno potuto vedere come fossero cresciute le piantine che mesi prima avevano seminato insieme con le loro maestre nella serra costruita nel laboratorio. Grazie all’azione di amore del bene comune attuata da L. D. , un alunno che abita nei pressi della scuola, i piccoli semini sono potuti germogliare e crescere forti. Ancora oggi L. si prende cura del nostro piccolo orto dove ha messo a dimora le piantine degli amici. Ci ha inviato le foto per informare i compagni preoccupati e poter creare un legame tra tutta la comunità della scuola.

L’orto digitale ha così permesso di concentrare l’attenzione dei più piccoli sull’importanza dell’ “avere cura”, di una piantina che dalle loro premure dipendesse, come anche del prossimo, restando a casa per il bene di tutti.

Il successo del progetto, garantito dalla disponibilità delle famiglie e il grande coinvolgimento dei bambini, ha dunque dato l’opportunità di creare contenuti originali e formativi, ulteriori rispetto alle lezioni frontali, in un tempo in cui la didattica digitale ha saputo adeguarsi alle nuove esigenze della società.

Alessandra Silvestri

[Indietro]