Post2PDF Stampa articolo Email This Post

ORTO/SERRA DI VIA LESI Scuola Carchidio-Strocchi di Faenza

14 marzo 2013

Ecco qui, in successione, il racconto dall’orto e la lettera di Marco Neri a ortidipace

RESOCONTO ATTIVITA’ SVOLTE NELL’ ORTO/SERRA DI VIA LESI

ANNO SCOLASTICO 2011/2012

CLASSI COINVOLTE: PRIME A-B-C-D-E; SECONDE: A-B-C-D-E e CLASSE 4 D

NOVEMBRE:

da inizio novembre 2011 le classi prime e seconde hanno trapiantato nell’orto, sotto il tendone-serra circa 250 cavoli (una specie per classe: cappuccio, verde, rosso, verza, nero, broccolo, Bruxelles, rapa rosso, bianco, cavolfiore romano).

Causa l’eccezionale nevicata di febbraio, la raccolta è stata scarsa e in alcuni casi nulla. Le classi prime hanno fatto la ribollita.

A fine novembre le classi seconde hanno seminato piselli, ravanelli, fave, scalogno e cipolla, che sono state raccolte e mangiate direttamente a crudo sia nell’orto che a casa.

Le classi prime hanno seminato: ravanelli, insalata, radicchio. I prodotti sono stati raccolti e portati a casa a maggio.

La classe 4 D ha seminato fiori (bocche di lupo).

DICEMBRE

Le classi prime hanno seminato in aula melanzane, peperoni e pomodori, mentre le seconde hanno seminato piante aromatiche e fiori.

Le classi prime sono anche uscite all’esterno per trapiantare e rinfoltire la siepe di bossi che circonda il piazzale della scuola.

Partecipazione del gruppo genitori ortolani e alunni delle classi prime e seconde al progetto del Comune di Faenza: Giardini di Natale con un proprio spazio sotto il Voltone della Molinella allestito sul tema dell’orto.  Le prime hanno realizzato il cartellone per la scenografia e oggetti decorativi per la bancarella, le seconde hanno addobbato gli alberelli del piccolo giardino con lavoretti eseguiti da loro. I genitori hanno preparato una presentazione scritta delle attività dell’orto.

MARZO

Dopo l’eccezionale nevicata di febbraio e l’impraticabilità dell’orto antistante la scuola, gli alunni di prima e seconda hanno svasato le loro piantine nella serra di via Lesi, coordinati dai genitori. In seguito hanno portato a casa una piantina ciascuno di quelle che hanno seminato.

Gli ortolani hanno donato una piantina orticola a tutti gli alunni della scuola elementare, per mostrare concretamente a tutti cosa è stato fatto e per far conoscere ai genitori, attraverso i bambini, una parte dell’attività svolta.

MAGGIO

Ad inizio maggio le seconde sono uscite per trapiantare i fiori nelle aiuole della scuola ed hanno raccolto ciò che avevano seminato a novembre: zucca, zucchine, pomodori, cetrioli, fave, piselli ecc.

E’ stata abbellita la scalinata d’ingresso alla scuola con fiori (gerani) e composizioni di piante aromatiche.

La classe 4 D è uscita per trapiantare cetrioli, zucchine, peperoni e melanzane, oltre che ad impalare, legare i pomodori e innaffiare.

GIUGNO

Mercoledì 6 (ultimo giorno lungo) le classi seconde hanno fatto una bella festa nell’orto, suddivisa in due momenti: prima semina di cavoli e finocchi da trapiantare a settembre e trapianto piante orticole biennali come cardi, carciofi, melanzane, zucchine, pomodori, cetrioli e peperoni; in seguito giochi e merenda nell’orto con foto di gruppo. Sono state fatte ai bimbi alcune domande sulle attività svolte nell’ambito del progetto orto, di cui alleghiamo alcuni commenti:

II A

Carolina: mi è piaciuto tutto… soprattutto lavorare nell’orto

Giulia: l’orto mi è piaciuto, ma mettere le mani nella terra mi fa un po’ schifo…

Riccardo: mi piace innaffiare e portare a casa le piantine

Stefano: mi sono divertito a piantare le fave, le ho date a mio babbo e gli sono piaciute

Marco: piantare soprattutto mi è piaciuto… l’orto, lo rifarei anche l’anno prossimo

Emma: mi diverto soprattutto a fare le bancarelle e a vendere le piantine

II B

Francesco: mi sono divertito a strappare la fava, ma è cattiva, amara!

Irene: a me la fava è piaciuta e anche preparare l’aiuola della scuola con i fiori

Pietro: mi sono divertito alla bancarella di Natale perché c’era molta varietà di cose.

Sofia: mi piace sporcami le mani nella terra e le fave erano buonissime!

Mirco: mi piace moltissimo fare l’orto. Ho imparato a seminare, raccogliere ed innaffiare

Noemi: mi piace fare l’orto e le aiuole perché si sta all’aperto

II C

Maria Sole: a me è piaciuto raccogliere i piselli, però mi piacciono le verdure

Pietro: bello piantare i girasoli che adesso sono belli alti!

Luca: ho raccolto i piselli e mamma ha fatto la frittata

Arianna: preferisco fare l’aiuola, mi piacciono i fiori

Emma: mi è piaciuto seminare ed innaffiare. Mi piacerebbe piantare il grano

Attilio: bello seminare i piselli e poi raccoglierli e mangiarli crudi!

II E

Sara: l’anno dell’orto è stato bello. Ho visto sbocciare i fiori nelle aiuole

Sofia: mi è piaciuto molto lavorare la terra

Jihan: bello fare l’aiuola e anche i Giardini di Natale, vorrei rifarli!

Matteo: mi piace raccogliere i piselli invece di studiare, ma non li mangio, mi fanno schifo!

Arim: aiuola e ortaggi mi piacciono e mia mamma è contenta… io annaffio

Elia: mi piace seminare e stare all’aria aperta

Inoltre, durante l’anno scolastico, sono state fatte diverse bancarelle per la vendita dei prodotti dell’orto all’uscita di scuola e il gruppo ortolani ha partecipato ad alcune manifestazioni: in dicembre, Giardini di Natale in Piazza del Popolo, a maggio Giornata Slow Food a Oriolo dei Fichi e Festa di fine anno della scuola Carchidio, a giugno Sagra dell’Albicocca a Santa Lucia e serata al Rione Bianco. Il ricavato delle vendite ad offerta libera è stato di 1200 euro netti.

Si ringraziano:

1)    il personale della scuola Carchidio

2)    tutti i rappresentanti delle varie classi e i genitori

3)    l’Ufficio Giardini del Comune di Faenza

4)    l’Istituto Agrario di Persolino (per scambio piante e consigli)

5)    Slow Food (per laboratorio didattico e bancarella)

I referenti del gruppo genitori ortolani:

Marco Neri

Claudio Tasselli

Salve,

Sono Marco Neri genitore di un bimbo di 9 anni ed uno di 18 anni, infermiere di professione ed ortolano per passione oltre che consigliere comitato genitori Scuola Carchidio-Strocchi di Faenza.

Dal 2010 con un gruppo di genitori e maestre abbiamo dato vita ad un progetto orto a Scuola.

Dal 2011 il progetto orto coinvolge 27 classi essendo diventato Progetto d’Istituto, grazie alla Dirigente.

Un anno fa contattai il Professor Zavalloni con cui condivisi sempre telefonicamente alcuni concetti ed idee, ci lasciammo con l’intento (condiviso con la Preside della Scuola Carchidio Faenza, Marta Saragoni) di effettuare un dibattito pubblico sulla pedagogia e sulle modalità di apprendimento didattico.

Dopo aver letto i libri (ORTI DI PACE, LA PEDAGOGIA DELLA LUMACA) ho poratto avanti, sia in qualità di rappresentante di classe sia nel comitato genitori i concetti e le idee da lui espresse con buoni risulati sia didattici che comportamentali da parte degli alunni.

Nel frattempo ho conosciuto personalmente uno scrittore, maestro precario di Crema, giornalista Alex Corlazzoli di cui ho letto diversi libri, tra cui, “LA SCUOLA CHE RESISTE” e “Riprendiamoci la scuola” consigliandogli di leggere i libri del Prof Zavalloni. Lo stesso a apprezzato tutto ciò che ha scritto il professore.

E’ mia intenzione organizzare per il 30/04/2013 al teatro della scuola (la preside mi ha dato il via libera) una serata dibattito sui problemi della Scuola Pubblica e sui metodi di apprendimento didattico.

[Indietro]