Post2PDF Stampa articolo Email This Post

Magica estate, magico annaffiatoio

1 agosto 2017

Siamo nella stagione più calda dell’anno e le piante dell’orto hanno bisogno di acqua. Anche le piante in vaso vanno annaffiate spesso e dunque impariamo a svolgere questo compito con gioia, ma senza sprecare acqua. Ai bambini piace moltissimo annaffiare, ma per farlo bene hanno bisogno di imparare alcune semplici regole.L’acqua infatti è un bene prezioso e non va sprecata con annaffiature sbagliate o troppo abbondanti che potrebbero essere più dannose che utili.

La prima regola è quella di evitare possibilmente le ore calde della giornata, molto meglio scegliere le ore più fresche della mattina oppure dopo il tramonto. Questo serve per non far subire alle piante uno shock termico, lo stesso che proviamo noi quando facciamo una doccia fredda e siamo molto accaldati.

La seconda regola e quella di annaffiare a “pioggia” solo alcune piante come la rucola, le insalate, le fragole, le lattughe e i cavoli bagnando anche le foglie, che in questo modo cresceranno morbide e fresche. Altre verdure invece come il pomodoro, le melanzane, le zucchine vanno annaffiate alla base, evitando di bagnare le foglie. Le loro foglie infatti non amano essere bagnate troppo perché possono sviluppare marcescenze e malattie. Ecco dunque che pomodori, melanzane e zucchine andranno bagnati in abbondanza ma con attenzione, facendo penetrare l’acqua lentamente nel terreno, indirizzando l’annaffiatoio alla base della pianta, evitando di bagnare le foglie.

Nadia Nicoletti

[Indietro]